CARNE SI CARNE NO: LE BUONE NOTIZIE

bistecca - carne rossa

CARNE SI CARNE NO: LE BUONE NOTIZIE

La carne è la maggior fonte di proteine necessarie per la salute dei muscoli e di tutto il corpo. Le proteine presenti nella carne sono complete nel senso che contengono tutti gli aminoacidi, compresi quelli che il corpo non può sintetizzare e deve introdurre dall’esterno. La carne rossa è inoltre una fonte di nutrienti essenziali per il normale svolgimento delle funzioni organiche. Contiene vitamina A, vitamina B12, ferro, selenio, potassio, fosforo e zinco. La carne rossa inserita in una dieta bilanciata e nelle giuste quantità può essere di grande aiuto per la salute della persona. Tra le varie carni quella di bovino è la più nutriente soprattutto in chi soffre di anemia per carenza di ferro.

Anche sulla carne via è una grossa disinformazione. Ogniqualvolta vi è una scoperta che evidenzia effetti negativi della carne, questa viene annunciata a caratteri cubitali e immediatamente diffusa a livello mondiale. La stessa cosa non accade quando sono pubblicate scoperte che ascrivono azioni positive a questo alimento. Sino ad oggi i pareri scientifici sono abbastanza concordi nel dire che il problema maggiore nell’utilizzo della carne viene dalle carni lavorate, cioè insaccati e inoltre da come vengono allevati gli animali. Per concludere il problema non è nella carne, ma come, quando la mangiamo e quanto ne mangiamo e con quali alimenti l’accompagniamo. Diamo alcuni consigli per ridurre al minimo gli effetti negativi, perché la carne sia più salutare.

–  Accompagnare sempre un piatto di carne con abbondante insalata fresca, meglio se mista. Per non sbagliare, nella stessa quantità, stesso peso.

–  Preferire carne bianca a carne rossa.

–  Consumare, nei limiti del possibile carni di animali cresciuti in allevamenti liberi.

–  Scegliere tagli magri ed eliminare gli eccessi di grasso prima della cottura.

–  Ridurre le carni fritte e grigliate. Preferire le carne in umido.

–  È consigliabile non consumare carne più di due volte a settimana, 120 150 g per volta.

–  Aumentare notevolmente il consumo di frutta e verdura cruda.

 

Post a Comment